Giving back

Ogni acquisto effettuato
supporta le bambine nel mondo
attraverso il progetto di ActionAid

0

Paesi

Da anni ActionAid è impegnata in Italia e in più di 45 paesi in tutto il mondo nella rimozione delle cause della violenza contro bambine, ragazze e donne, favorendo la loro autodeterminazione e l'avanzamento dei loro diritti .

0

Prodotti

Il nostro obiettivo è di donare 1€ ad ogni prodotto venduto.

0

Giorni

Il lasso di tempo per raggiungere, entro Dicembre, la quota per la donazione.

  • Donato
  • Da donare
  • 00 days
  • 00 hours
  • 00 minutes
  • 00 seconds

COME FUNZIONA
Come sosteniamo ActionAid con l'acquisto di un prodotto Faber-Organic

Supporto legale e psicologico

ActionAid supporta legalmente e psicologicamente le bambine che sono state promesse in sposa e informano le famiglie sulle conseguenze di questa pratica;

Campagne di sensibilizzazione

Promuove campagne di sensibilizzazione sulle conseguenze negative del fenomeno delle spose bambine coinvolgendo anche uomini, anziani, leader religiosi e istituzioni.

Diritti

Nelle scuole le bambine vengono informate sui loro diritti e sulle leggi esistenti contro questa pratica.

Formazione

Formano gruppi femminili affinché si confrontino sul tema e denuncino i casi di matrimoni precoci.

ActionAid-Matrimoni-precoci

Faber Organic ha scelto di essere al fianco di ActionAid nel sostenere i diritti di bambine, donne e ragazze vittime di matrimoni precoci e mutilazioni genitali femminili in Italia e nel Mondo.

L’impegno di ActionAid

Da anni ActionAid è impegnata in Italia e in più di 45 paesi in tutto il mondo nella rimozione delle cause della violenza contro bambine, ragazze e donne, favorendo la loro autodeterminazione e l’avanzamento dei loro diritti .

La violenza contro le donne è forse la violazione dei diritti umani più diffusa in tutto il mondo e non si riassume nella sua forma più eclatante e terribile, il femminicidio, ma può assumere forme molto diverse e insidiose.

I matrimoni precoci e forzati sono una delle forme di violenza contro le donne più diffuse. In paesi come il Kenya, il Ruanda, l’India, il Pakistan e tanti altri ancora, i matrimoni precoci e forzati sono una triste realtà.

Alcuni dati

Secondo il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (UNFPA)  le spose bambine, costrette dalla famiglia a unirsi in matrimoni combinati in giovane (a volte giovanissima) età, sono 650 milioni in tutto il mondo. Secondo le previsioni dell’UNFPA, se non ci sarà un intervento deciso, nel 2030 saranno 150 milioni in più. 33 mila bambine che ogni giorno vengono costrette a sposarsi contro la loro volontà e, senza che il loro parere venga nemmeno interpellato e che rischiano la vita per via delle gravidanze precoci. Bambine che, ogni giorno, vedono negati i propri diritti: all’infanzia, a un’educazione, a una vita senza violenza.

Le conseguenze

I matrimoni precoci hanno infatti conseguenze gravissime su milioni di bambine e giovani donne per diversi motivi. Questi matrimoni causano abbandono scolastico, favoriscono casi di violenza e abusi domestici, isolamento sociale e mancanza di indipendenza. Le gravidanze precoci inoltre hanno elevati rischi di mortalità sia per la madre che per il bambino.

Le mutilazioni genitali femminili e i matrimoni precoci e forzati sono pratiche profondamente radicate nelle culture e tradizioni locali di molte società, in particolare nell’Africa Sub-Sahariana, in Medio Oriente e nel Sud-Est asiatico e in alcuni paesi sono pratiche spesso interconnesse, sebbene considerate separatamente, perché in molte comunità sottoporre una ragazza alle mutilazioni genitali femminili è il presupposto per trovare un marito, spesso quando la ragazza è ancora minorenne.

Gli interventi di ActionAid?

ActionAid in questi paesi interviene tramite l’adozione a distanza anche su questi fenomeni e, fornendo a queste bambine, alle loro famiglie e alla loro comunità un’opportunità di crescita e di indipendenza, riesce a cambiare il destino già segnato di molte bambine. In molti Paesi in cui i matrimoni fra minori e adulti sono una pratica reale e diffusa, ActionAid interviene in maniera diretta, oltre che a fianco delle piccole organizzazioni locali che combattono contro ogni forma di violenza e cercano di dare protezione a chi riesce a fuggire da questo destino. I progetti sviluppati con i fondi dell’adozione a distanza servono anche a prevenire che questa la pratica dei matrimoni precoci venga perpetuata.

Ma come hanno recentemente dimostrato alcuni terribili fatti di cronaca, l’Italia non è immune al dramma delle violazioni dei diritti delle bambine e delle ragazze, causati da pratiche tradizionali come matrimoni precoci e mutilazioni genitali femminili. In Italia, i dati più recenti, raccolti nel 2019 dall’Università Milano Bicocca, evidenziano la presenza sul nostro territorio di oltre 87.000 donne – di cui 7.600 minorenni – che hanno subito mutilazioni genitali femminili nei paesi di origine. Le bambine a rischio sarebbero invece circa 5.000. Mancano invece dati ufficiali sui matrimoni precoci e forzati che coinvolgono le ragazze minori che risiedono nel nostro Paese.

ActionAid opera dunque anche in Italia per informare, proteggere e sostenere donne e ragazze esposte a questi pericoli, promuovendo incontri di formazione e percorsi di consapevolezza dei propri diritti, e restituendo un ruolo centrale alle comunità maggiormente a rischio. ActionAid, insieme a rappresentanti delle comunità, delle istituzioni e di attori chiave a livello locale e nazionale, lavora per sensibilizzare e realizzare strumenti operativi efficaci nel contrasto di queste pratiche dannose e per produrre il cambiamento culturale necessario alla loro eliminazione.

Il nostro sostegno

Faber-Organic è nata per le donne e sostenere ed aiutare le donne è la nostra  missione. 

E’ per questo che vogliamo impegnarci a sostenere Actionaid nel suo impegno quotidiano a fianco delle tante, troppe, bambine che hanno bisogno di aiuto e sostegno. Troppe bambine nel mondo sono obbligate a sposarsi piccolissime, a causa della povertà e dell’ignoranza. E’ per questo che ci impegniamo a devolvere 1 euro per ogni prodotto venduto, ad Actionaid.

Ci siamo dati l’ambizioso traguardo di raggiungere la quota di 1000 euro entro dicembre 2021, aiutaci a realizzarlo!